La differenza tra manutenzione straordinaria e ordinaria

6 Luglio 2021 Categoria:

Dopo aver ottenuto le chiavi del proprio bene locatario e dopo aver messo in chiaro gli obblighi e i doveri sia dell’inquilino che del proprietario, puoi rilassarti e goderti i tuoi spazi in pace. Nel tempo però potrebbero insorgere dei problemi che ti porteranno a fare dei lavori di manutenzione. Ma che differenza c’è tra la manutenzione ordinaria e quella straordinaria?

La manutenzione ordinaria

Le manutenzioni ordinarie del locatore, in primis le pulizie, contribuiscono a mantenere in stato d’uso adeguato le parti comuni. Pertanto è richiesto agli inquilini di fare altrettanto all’interno del bene locato, evitando altresì di assumere colpe e costi per incuria. Il locatore informa regolarmente ed istruisce gli inquilini affinché ci sia reciproco rispetto.

Bisogna segnalare al locatore la presenza di danni?

Gli inquilini segnalano tempestivamente al locatore eventuali danni o difetti al bene locato o ai vani comuni dei beni oggetto di locazione, ottenendo cosi il massimo rispetto e fiducia. Oltre a trovare una soluzione al danno si potrà migliorare anche il rapporto tra inquilino e proprietario.

La manutenzione straordinaria

Il locatore può prevedere per vari motivi, normalmente per la vetustà, una manutenzione straordinaria o migliorie allo stabile. Nel caso il locatore provvederà a tener ampiamente cura delle necessità degli inquilini, soprattutto li informerà anticipatamente di modi e tempi di esecuzione dei lavori. è importante in questa fase essere il più trasparenti e chiari possibili. Bisogna valutare attentamente per ogni singolo inquilino l’incidenza dei lavori sull’uso del bene locato, essere pronti ad incassare pigioni ridotte nel periodo dei lavori in compenso di un uso ridotto del bene locato.

E per i costi della manutenzione?

Il locatore deve indicare parimenti quali lavori andranno in seguito, secondo i termini contrattuali, ad incidere sulla pigione e quanto in base ai preventivi di costo, potrebbe aumentare il canone di locazione.
Nel caso sono previsti dei lavori già confermati con licenza edilizia il locatore accetterà disdette anticipate senza imporre un subentrante. Infatti è praticamente impossibile trovare un subentrante durante dei lavori importanti allo stabile.

Articoli Correlati

La differenza tra manutenzione straordinaria e ordinaria

6 Luglio 2021

Dopo aver ottenuto le chiavi del proprio bene locatario e dopo aver messo in chiaro gli obblighi e i doveri sia dell’inquilino che del proprietario, puoi rilassarti e goderti i tuoi spazi in pace. Nel… Mostra articolo

Scopriamo cos’è l’ufficio conciliazione

28 Maggio 2021

  Se hai avuto difficoltà a gestire una situazione problematica con il tuo locatore o con l’inquilino del tuo appartamento, probabilmente qualcuno potrebbe averti consigliato di rivolgerti all’Ufficio conciliazione piuttosto che a un tribunale. Ma… Mostra articolo

Cambiare residenza: i primi passi

28 Aprile 2021

  “È semplice pensare che sia facile cambiare residenza, è difficile farlo” Questa frase tratta dal libro “Diritto di locazione – La conciliazione” di Roberto Viviano riassume la situazione di chi si ritrova a pensare… Mostra articolo

Il tasso ipotecario di riferimento nei contratti di locazione rimane al 1,25%

8 Dicembre 2020

Se un contratto di locazione prevede attualmente una pigione non stabilita secondo il tasso d’interesse di riferimento vigente (1,25 %), può essere chiesta una diminuzione in virtù di una precedente riduzione del tasso d’interesse di riferimento.

Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle novità e le pubblicazioni di TPOINT e Associazione TPOINT Ticino? Iscriviti!